Gillette consente agli utenti di personalizzare i prodotti grazie alla stampa 3D

Offrire esperienze personalizzate aiuta i marchi a creare legami emotivi con i propri clienti. Sulle piattaforme digitali la personalizzazione è ovunque. I consumatori si sono abituati a vivere esperienze rivolte direttamente a loro e che riflettono i loro gusti e le loro preferenze.

I prodotti fisici, vincolati dalla rigidità delle lavorazioni tradizionali, di solito non possono fare altrettanto.

Le nuove tecnologie stanno cambiando questo paradigma, perché offrono l'opportunità di evitare i costi solitamente legati alla produzione di migliaia di parti personalizzate. Oggigiorno è possibile trasporre il fascino delle esperienze digitali personalizzate ai prodotti fisici e, quindi, creare legami personali più profondi con i consumatori.

Il produttore di rasoi Gillette è tra i primi a lanciare questa tendenza con Razor Maker™, una piattaforma che esemplifica l'idea di stampare delle parti in 3D per l'uso finale diretto dei consumatori.

Servendosi delle stampanti 3D Form 2 di Formlabs come strumento di produzione, Razor Maker™ dà ai consumatori la possibilità di creare e ordinare manici di rasoio personalizzati stampati in 3D, avendo a disposizione 48 design diversi tra cui scegliere (e in continua crescita), una vasta gamma di colori e l'opzione di aggiungere del testo.

"La nostra collaborazione con Formlabs, e la potenza delle loro stampanti 3D, consentono ai consumatori di decidere l'aspetto che avranno i loro rasoi. Siamo entusiasti di lavorare con i nostri vicini di Boston per testare questo concetto rivoluzionario di personalizzazione" dice Donato Diez, responsabile globale del marchio Gillette e co-fondatore di Razor Maker™.


Guarda il video per saperne di più sulla storia di Razor Maker™, reso possibile da Gillette e Formlabs.

Scopri come Razor Maker™ usa la stampa 3D per creare prodotti unici e perché la produzione additiva può diventare il catalizzatore delle trasformazioni aziendali.

Piena libertà di progettazione e il potere della personalizzazione

L'idea alla base di Razor Maker™ è quella di consentire piena libertà di progettazione per realizzare un prodotto finale e offrire un'anticipazione sul futuro dei prodotti su misura di massa.

"La combinazione della nostra migliore tecnologia di rasatura con la potenza e la flessibilità della stampa 3D apre un nuovo mondo di possibilità di progettazione dei prodotti" spiega Rob Johnson, ingegnere di progettazione e co-fondatore di Razor Maker™.

Con la stampa 3D, "ci si può sbizzarrire" con la complessità e la varietà; una stampante 3D non richiede più tempo, energia o materiale per produrre una forma complessa di una semplice e, dato che non è necessario acquistare della nuova attrezzatura, la stampa di una vasta gamma di progetti non richiede costi di produzione aggiuntivi.

La libertà di progettazione consentita dalla stampa 3D ha permesso ai progettisti di Razor Maker™ di trarre ispirazione da geometrie complesse presenti in natura, architettura e tecnologia.
La libertà di progettazione consentita dalla stampa 3D ha permesso ai progettisti di Razor Maker™ di trarre ispirazione da geometrie complesse presenti in natura, architettura e tecnologia.

I progettisti si sono ispirati alle geometrie della natura, dell'architettura e della tecnologia per creare forme intricate che sarebbe difficile o impossibile realizzare tramite i processi di produzione tradizionali.

"Ci consente di pensare alla forma in maniera completamente nuova" spiega Rory McGarry, progettista industriale capo presso Razor Maker™. "Con i metodi tradizionali potevamo sviluppare solo uno o due progetti di rasoio all'anno, mentre ora possiamo avere un'idea, crearla in 3D, stamparla, analizzarla, modificarla ed è pronta."

Grazie alla stampa 3D, i progettisti di Razor Maker™ sono in grado di testare rapidamente le idee, passando senza soluzione di continuità dal concetto al modello 3D e al prodotto fisico nel giro di pochi giorni.
Grazie alla stampa 3D, i progettisti di Razor Maker™ sono in grado di testare rapidamente le idee, passando senza soluzione di continuità dal concetto al modello 3D e al prodotto fisico nel giro di pochi giorni.

In definitiva, l'assenza di vincoli progettuali consente di offrire ai consumatori la libertà di scelta. In un mercato saturo di beni prodotti in serie, l'obiettivo di Razor Maker™ è quello di offrire ai consumatori la possibilità di creare dei rasoi che li rappresentino davvero.

"Sappiamo che oggigiorno i consumatori cercano marchi innovativi che permettano loro di esprimersi, e questo è esattamente ciò di cui si occupa questo progetto pilota" spiega Evan Smith, responsabile globale del prodotto presso Razor Maker™.

Un workflow per la produzione personalizzata

Per ottenere un tale livello di personalizzazione, il team di Razor Maker™ ha dovuto ripensare completamente l'approccio alla produzione.

Le fasi iniziali del processo sono completamente digitali: i consumatori personalizzano i manici di rasoio tramite il sito web di Razor Maker™ e i progetti risultanti vengono convertiti in file 3D. Più file di progetto vengono quindi inviati a una stampante 3D per essere stampati contemporaneamente in un unico lotto. Ciascun manico viene poi lavato, sottoposto alla polimerizzazione post-stampa, verniciato e assemblato, prima di essere spedito direttamente a casa dei consumatori.

Tutti i manici Razor Maker™ vengono stampati presso il quartier generale di Gillette a Boston con stampanti 3D stereolitografiche (SLA) Form 2.
Tutti i manici Razor Maker™ vengono stampati presso il quartier generale di Gillette a Boston con stampanti 3D stereolitografiche (SLA) Form 2.

In passato, Gillette aveva utilizzato la stampa 3D solo per la prototipazione, ma i progressi nei materiali e nell'hardware hanno reso la tecnologia un'opzione praticabile nella produzione di parti per uso finale.

La facilità di personalizzazione è un vantaggio intrinseco della stampa 3D. Questa tecnologia elimina la necessità di attrezzature, non richiedendo investimenti iniziali negli stampi e azzerando gli elevati costi legati alla produzione di una varietà di progetti complessi. Inoltre, per aumentare la capacità di produzione personalizzata basta aggiungere altre stampanti. Gillette sta anche sperimentando l'automatizzazione dei processi di stampa 3D, essendo tra i primi a testare con Formlabs Form Cell, una dimostrazione tecnologica che esplora il futuro della stampa 3D negli ambienti di produzione.

Sempre più produttori stanno integrando tecnologie come la stampa 3D stereolitografica (SLA) desktop nei workflow di produzione. Guarda il nostro webinar per esplorare cinque modi in cui applicare la stampa 3D negli ambienti di produzione.

"Razor Maker™ ci permette di creare un nuovo design, stamparlo e testarlo, e poi il giorno dopo quel design diventa un nuovo manico disponibile sul sito web" spiega Johnson. "Non è mai stato possibile finora."

Ripensare la produzione e i modelli aziendali

Le innovazioni tecnologiche da sole non sono sufficienti per trasformare il settore della produzione. Aziende come Gillette stanno sfruttando la stampa 3D per esplorare modelli aziendali completamente nuovi, che cambiano il loro modo di lavorare lungo l'intero ciclo di vita del prodotto, dalla progettazione alla produzione.

Grazie a Razor Maker™, Gillette è in grado di offrire a migliaia di consumatori la possibilità di progettare un manico esclusivo secondo il loro stile di vita e le loro preferenze.
Grazie a Razor Maker™, Gillette è in grado di offrire a migliaia di consumatori la possibilità di progettare un manico esclusivo secondo il loro stile di vita e le loro preferenze.

"Per Gillette, Razor Maker™ rappresenta un passo cruciale nel nostro percorso di personalizzazione, in cui tecnologie innovative si uniscono a nuovi modelli aziendali per offrire prodotti unici come i nostri consumatori" spiega Diez.

Scarica The Digital Factory Report per saperne di più sulle nuove strategie e i modelli aziendali più recenti derivanti da tecnologie come l'intelligenza artificiale, la produzione additiva, l'automazione e le fabbriche intelligenti.

Scarica il resoconto della Digital Factory