Tutti i post
Approfondimenti sul settore

Come la UMass Lowell integra arte e tecnologia

Indice

Yuko Oda ha studiato belle arti; si è specializzata in scultura alla School of Design di Rhode Island, e poi ha cominciato a lavorare al New York Institute of Technology (NYIT). Lì, si è servita per la prima volta di tecnologie di stampa 3D come la modellazione a deposizione fusa (FDM) e la stampa stereolitografica (SLA) nell'ambito di un corso universitario. Nel 2017 è stata assunta dalla UMass Lowell. Le università utilizzano sempre più spesso la stampa 3D in diverse discipline, dal design e l'animazione fino alla scultura, così da fornire maggiori strumenti agli studenti e rendere i corsi più al passo con le nuove tecnologie.  

Leggi questo articolo per scoprire come Yuko Oda usa la stampa 3D per realizzare le sue opere d'arte e per modernizzare i corsi di modellazione e animazione 3D, scultura e design 3D alla UMass Lowell.

Tecnologia e arte alla UMass Lowell

Yuko e i suoi studenti stampano dei progetti con la Form 2. Crediti fotografici: Jim Higgin

Le stampanti 3D stanno diventando sempre più comuni nelle università e negli istituti tecnici in giro per il mondo, e molti insegnanti hanno integrato queste tecnologie nei loro programmi. Poiché la stampa desktop in-house si sta diffondendo in molti campi, le istituzioni accademiche hanno la necessità di rendere i percorsi di studio più tecnologici, così da preparare adeguatamente gli studenti al mondo del lavoro. Alla UMass Lowell questo si è tradotto nella modernizzazione dei corsi di scultura e design 3D per aggiornarli al ventunesimo secolo. Ed è stato proprio questo il ruolo di Yuko Oda, che lavora nell'ateneo dal 2017 e che, non appena arrivata, ha ordinato una serie di stampanti 3D, tra le quali un apparecchio SLA Formlabs.

Yuko riesce a portare in aula la sua passione per l'arte e la tecnologia e attualmente insegna scultura,  modellazione e animazione 3D nonché media interattivi. La maggior parte degli studenti sa di dover comprendere l'animazione e la modellazione 3D per la futura carriera in vari campi, tra cui il design di sculture per il cinema. Per gli artisti, la modellazione 3D è diventata una competenza essenziale.

La UMass Lowell vuole dotare gli studenti delle competenze necessarie per orientarsi in un mercato del lavoro in costante adattamento alle nuove tecnologie. Secondo Yuko, gli studenti di graphic design manifestano una richiesta sempre maggiore per i corsi nell'ambito del 3D. Per esempio, sono finiti i tempi dei generici imballaggi di scarsa qualità. Le scelte d'acquisto dei consumatori sono influenzate dal design della confezione, e la stampa 3D consente la creazione di prototipi realistici, riducendo i tempi di lancio sul mercato e aumentando le vendite. 

Scultura I, progetto di scultura in realtà virtuale di Cecilia Chi, studentessa di arte e design della UML

Le stampanti 3D Formlabs consentono di produrre le parti di qualità e ad alta precisione necessarie ai suoi corsi. Grazie alla finitura superficiale liscia, gli studenti possono levigare e rivestire facilmente le parti, con un livello di qualità adatto alla distribuzione. Inoltre, gli studenti hanno il vantaggio di poter acquisire esperienza sulle stesse macchine Formlabs usate da importanti brand come New Balance e Ashley Furniture

"Gli studenti realizzano un modello scolpito in 3D, lo importano in Zbrush e poi lo stampano in varie resine, tra cui la Clear Resin. La capacità delle macchine Formlabs di mostrare dettagli elaborati che sono stati modificati in Zbrush è a un livello di gran lunga superiore rispetto a quello delle altre stampanti in laboratorio."

Yuko

Gli studenti sono in grado di creare stampe incredibilmente complesse sulle stampanti Formlabs. Modello scolpito in realtà virtuale da Alex Twyman, studente di arte e design della UML

Tutte le stampanti usate nei corsi della UMass Lowell costano meno di 10 000 $. La stampante 3D Formlabs produce sempre stampe della più alta qualità e con il minor margine di fallimento, se messa a confronto con altre stampanti nella stessa fascia di prezzo. E se le macchine veloci ed economiche per la modellazione a deposizione fusa saranno sempre presenti nelle università, ci sarà spazio anche per la stereolitografia di alta qualità.

"Se dovessi stampare tre progetti, con le stampanti FDM mi aspetterei che uno su tre non abbia buon esito. Mentre con la macchina Formlabs, tutte e tre le stampe andrebbero a buon fine."

Uno degli sviluppi più promettenti nella scultura è l'integrazione della stampa 3D e della realtà virtuale (VR). Questo è particolarmente importante per gli studenti che hanno difficoltà con il design 3D. La realtà virtuale riduce sempre più le barriere del design 3D e permette ad artisti e studenti di creare con le proprie mani utilizzando programmi come Oculus Medium. Yuko ha insegnato ad alcuni studenti delle scuole medie a creare un oggetto in 3D in 30 minuti con la realtà virtuale e poi a stamparlo con una stampante 3D. Anche per gli scultori più esperti, la realtà virtuale riduce il tempo necessario per passare dall'idea all'oggetto fisico, aprendo potenzialmente nuove strade all'arte sperimentale. 

L'organico e il sintetico si incontrano

Oltre a insegnare, nel suo tempo libero Yuko continua a realizzare sculture. Si è dedicata a molti progetti che esplorano l'incontro tra la materia organica e quella inorganica, evidenziando come gli oggetti creati dall'uomo, come i rifiuti, consumino il pianeta. Yuko vuole indagare su come possano coesistere materiali organici e sintetici.

Qui sopra il suo progetto intitolato Darkness Meets Light (L'oscurità incontra la luce). La base è stata realizzata in gesso, mentre le parti nere sono state stampate in Black Resin con una stampante 3D Formlabs.

"Darkness Meets Light"  è un'installazione scultorea digitale che studia l'incontro tra la tecnologia e le belle arti, coniugando in una sola opera d'arte metodi tradizionali e digitali.    La base della scultura, una forma organica simile a un bozzolo, è in gesso. La struttura è l'approdo, la fonte e la casa delle forme nere simili ad ali di farfalla stampate in 3D che sgorgano dalla sua fessura.  Queste forme nere rappresentano un istante immortalato di energie contrastanti: al tempo stesso nascono e tornano alla loro origine.

Un altro progetto, intitolato Morning Dew (Rugiada mattutina), unisce foglie vere a gocce di rugiada stampate in 3D. Il laser della stampante 3D SLA è in grado di creare piccoli oggetti in modo molto accurato, in questo caso le goccioline, con precisione sempre uguale.

In "Morning Dew" le gocce di rugiada stampate in 3D sono applicate alle foglie.  Una mattina Yuko è uscita di casa ed è rimasta colpita dalla semplicità e dalla bellezza di questo fenomeno naturale.  E così ha voluto ricrearlo nel suo atelier usando una stampante Form 2 e la Clear Resin.

Maggiori informazioni su Yuko Oda

 

Yuko Oda non è l'unica a usare la stampa 3D per la sua passione, per attività professionali secondarie o progetti, oltre a servirsene nell'ambiente di lavoro principale. La stampa 3D desktop a basso costo sta cambiando il modo di creare di designer, insegnanti, artisti e professionisti di campi molto diversi tra loro.

Vuoi saperne di più sull'arte di Yuko Oda? Dai un'occhiata al suo sito Internet o seguila su Instagram.

Vuoi provare la Black Resin, il materiale usato in Darkness Meets Light (di cui si parla sopra)?

Richiedi un campione gratuito